Come procedere alla pulizia delle zanzariere plissettate
31/05/2020

Come procedere alla pulizia delle zanzariere plissettate

By Giulia Vitale

Quello delle zanzariere plissettate è un mondo a parte poiché richiede una specializzazione in grado di offrire un prodotto molto soddisfacente e tale da aiutare i clienti ad aumentare le proprie vendite. Ha poco senso concentrarsi su troppi differenti modelli perché questo ridurrebbe le competenze specifiche su una determinata categoria, con conseguente diminuzione del servizio e dell’efficacia verso il cliente.

Pulire le zanzariere plissettate

Molte persone hanno dei dubbi su come pulire le zanzariere (leggi i consigli di Sharknet) e per quanto se ne parli spesso, non sanno che esistono dei piccoli trucchi molto utili per stupire il customer finale, aiutandolo a eliminare con facilità ogni traccia di sporco che si deposita dentro i meccanismi di movimento e che finiscono con il deteriorare il funzionamento della zanzariera stessa.

Uno dei problemi maggiori è dato dal fatto che lo sporco si posa tra le pieghe della rete in una percentuale superiore rispetto a quanto accade nelle tipologie fatte con il telo dritto; che le zanzariere si sporchino è un dato di fatto, in quanto accade così come avviene per qualsiasi oggetto che sia a contatto con l’esterno e quindi che risulti vittima della polvere e degli agenti atmosferici, soprattutto durante il periodo estivo.

Per quanto concerne le zanzariere plissettate siamo stati i primi a disporre di un metodo che vanta diverse caratteristiche:

  • La pulizia della guida della zanzariera plissettata a pavimento deve essere fatta con costanza. Si tratta di una procedura che deve essere eseguita regolarmente, infatti mentre come da routine si pulisce il pavimento con la scopa elettrica sarebbe altrettanto conveniente avere l’abitudine di fare la stessa operazione con la guida a pavimento, in modo tale da eliminare lo sporco che vi si posa nel tempo. Si tratta, in pratica, di una procedura da eseguire con la stessa naturalezza e abitudine con la quale si pulisce il pavimento di casa e non come un qualcosa da stabilire ciclicamente come fosse un’operazione extra, perché diverrebbe molto più pesante e faticoso.
  • È bene evitare l’uso di solventi, oli, grassi e acidi perché per la rete e i fili realizzati in poliestere vale la stessa regola degli abiti, che non laveremmo mai con prodotti così aggressivi. si tratta di prodotti aggressivi che rovinano il materiale con facilità e sono del tutto inutili.
  • È infine un’ottima abitudine quella di usare un panno imbevuto con dell’acqua per strofinare la zanzariera plissettata. Raccogliendo la zanzariera e lasciando solamente 20 cm di rete, si può passare il panno imbevuto facendolo scorrere dall’alto verso il basso e poi lasciando asciugare. Questa semplice operazione garantisce il passaggio dell’aria in modo costante e sano, evita di avere a che fare con prodotti nocivi e di dover ricorrere a sforzi fisici eccessivi.
    La zanzariera plissettata in poliestere garantisce resistenza all’acqua, agli agenti atmosferici in generale ed è facile da pulire in modo pratico, economico ed ecologico.

Si tratta di operazioni non adatte per le zanzariere a tagliola in quanto deve stare o del tutto aperto o del tutto chiuso, questo genererebbe una pulizia scarsa, la presenza di carcasse di insetti che si depositano sul tubo di raccolta della rete e la conseguente rottura del sistema di movimentazione per via della polvere depositata.

La rete plissettata in poliestere è quella realizzata con il miglior materiale per funzionalità e perché assicura una pulizia ottimale rispetto ai prodotti di concorrenza per la rete delle zanzariere.